wold top shepherd's watch

Wold Top Shepherd’s Watch Old Ale

Wold Top Shepherd’s Watch unisce malti tostati e frutti rossi, anche sotto spirito.

Prima di arrivare alla Wold Top Shepherd’s Watch facciamo un passo indietro e presentiamo il birrificio inglese, che debutta sul blog. Ci troviamo nella Contea dello Yorkshire, ubicata e nord-est dell’isola e incastonata in una bucolica campagna. Qui i fratelli Tom e Gill rappresentano l’ultima generazione della famiglia Mellor, che da anni coltiva i campi nei 240 ettari di proprietà.

Arriva il giorno in cui i due fratelli, stanchi di perpetrare un’attività tradizionale senza grandi innovazione, e mossi dalla necessità di trovare una soluzione al drastico calo delle vendite, decidono di installare un birrificio all’interno della fattoria. E così nel 2003 il vecchio fienile si trasforma in birrificio: nasce Wold Top Brewery, ancora oggi a conduzione famigliare.

Un birrificio a forte vocazione tradizionale: le birre vengono prodotte in linea con i dettami delle Real Ale inglesi, la gamma brassicola è di stampo anglosassone e gli ingredienti sono locali. L’acqua proviene dal pozzo ubicato all’interno della fattoria ed è filtrata dalle colline chiamate Yorkshire Wolds, l’orzo è coltivato internamente e maltato in Inghilterra, il luppolo utilizzato è Inglese.

Significativo l’impegno ambientale del birrificio, che è diventato uno dei più sostenibili di tutto il Regno Unito. Addirittura per salvaguardare la flora e fauna selvatica locale i campi vengono circondati da 2 metri di margine, così da non deturpare eccessivamente i terreni e mantenere la biodiversità originale.

Le birre si suddividono in annuali, stagionali e senza glutine e sono disponibili in cask, fusto e bottiglia da 50 cl. I nomi fanno riferimento a luoghi o episodi significativi dello Yorkshire, meglio ancora della cittadina di Hunmanby, e sottolineano la forte identità locale del birrificio.

In etichetta la Wold Top Shepherd’s Watch, ovvero “la guardia del pastore”, è descritta in tutti i modi: Winter Warmer, Rich Dark Ale, in realtà è una Dark Ale.

In ricetta: malti orzo tostato e malto Chocolate, luppoli Progress, Styrian Golding e Cascade.

Il birrificio la consiglia in abbinamento a Yorkshire Perkin, dolce a base di panzenzero, avena e melassa, declinato sia in versione torta che biscotti, e Fruit Cake.

Bottiglia da 50 cl, 6% ABV, lotto con scadenza 30/09/2020. In vendita su Cantina della Birra (10% di sconto utilizzando il codice “birramoriamoci10”).

Aspetto

Colore scuro proprio come descritto in etichetta, seppur limpido in controluce, con riflessi rubino scuro. La schiuma ha colore nocciola chiaro e risulta fine e cremosa, compatta, mediamente alta e di buona persistenza.

Aroma

Anche il naso è in linea con la descrizione in etichetta. La nota di testa è quella dei malti scuri, più “morbidi” del previsto. Profumi di panificati scuri, toffee, brownie, biscotto al cacao, si uniscono a note tostate che suggeriscono il cioccolato. In mezzo si insinuano liquirizia e microossidazioni, che suggeriscono miele di melata e un novello Sherry.

Ovviamente c’è anche la frutta: richiami di chinotto ma soprattutto frutta scura, anche sotto spirito. Datteri, prugne disidratate, uva sultanina, amarene. Nel cuore, assieme al battito di cioccolato, una sfumatura di vaniglia e segnali di fumo suggeriscono un passaggio in botte che in realtà non c’è.

Gusto

Corpo più leggero del previsto, quasi watery, con carbonazione scarsa o nulla. La sensazione tattile risulta morbida e appena cremosa, mentre dell’alcol nessuna traccia. Bisognerà attendere la deglutizione per sentire quella gradevole punta di calore salire su per il cavo orale fino alla bocca dello stomaco, assieme a una punta speziata/piccante sulla lingua.

Il gusto si sviluppa in maniera diversa rispetto all’aroma, sebbene converge nella stessa direzione. Innanzitutto ci sono la rinfrescante acidulità del caffè, versione bevanda, il leggero citrico d’arancia e l’acidità dei frutti rossi (susine, prugne, datteri, uvetta). I malti scuri seguono più o meno lo stesso filone: farina integrale, brownie, toffee. Finale secco, in cui finalmente l’alcol si rivela assieme al leggero calore e alla nota pepata. Retrogusto amaro, tostato, a cavallo tra il fondente e il caffè in polvere. Retrolfatto di frutti rossi.

In un primo momento risultano assenti sia il summenzionato passaggio in botte che l’ossidazione: occorre il favore di tempo e temperature affinché queste note si rivelino. Ed ecco infine emergere echi liquorosi che ricordano un delicato Marsala, mentre vaniglia e cacao creano l’immagine di qualcosa di dolce.

Wold Top Shepherd’s Watch: conclusioni.

Wold Top Shepherd’s Watch è certamente una birra ben fatta, impeccabile per pulizia ed equilibrio. Quasi più una English Strong Ale, accenno di ossidazione a parte. Personalmente avrei desiderato maggiore profondità organolettica da una Old Ale ma devo ammettere che anche così è stata un bel bere.

  • Aspetto
  • Aroma
  • Gusto
3.8
Sending
User Review
0 (0 votes)

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

calix-niger-birrificio-dei-castelli-chocolate-stout

Calix Niger Chocolate Stout Birrificio dei Castelli

Calix Niger del Birrificio dei Castelli è una birra di colore scuro, suadente come il ...