wild beer fresh freshest hops

Wild Beer Fresh Freshest Hops Pale Ale

Nomen omen: Wild Beer Fresh è la freschezza fatta Pale Ale.

In un’epoca in cui la costanza qualitativa è sine qua non per il successo della birra artigianale, Wild Beer Fresh rema in direzione ostinata e contraria. E’ il modus operandi tipico di questo birrificio inglese con sede nel Regno Unito: evitare lo scontato. L’idea alla base di questa Wild Beer Fresh è l’impiego di luppoli provenienti da ambedue gli emisferi terrestri. Il “problema” è che ogni emisfero è grande quanto mezzo mondo e l’ammontare di luppoli disponibili è pressoché infinito.

Fresca di nome e di fatto.

Non è solo questione di nome: Wild Beer Fresh è fresca per davvero. La scorta di luppoli viene infatti realizzata con cadenza rigorosamente semestrale. Ogni semestre vede quindi una diversa coppia di luppoli ed ecco perché viene meno il principio di costanza qualitativa poc’anzi menzionato. Wild Beer Fresh è una Pale Ale che esaspera il concetto di freschezza del luppolo. Una missione importante, quella di regalare al consumatore la massima freschezza organolettica, che però non trova seguito nella pratica: l’etichetta non fa alcuna menzione dei luppoli impiegati. Neanche il numero di lotto ha trovato corrispondenza sul sito del birrificio. Insomma, bisogna andare sulla fiducia. Bando alle ciance, assaggiamo!

Bottiglia da 33 cl, 5.5% abv, lotto 1535.

Schiuma

Generosa, fine e persistente, nonché aderente; colore e aspetto pannosi.

Colore

Dorato con venature paglierino; aspetto limpido, frizzantezza tenue e abbondante presenza di corpi in sospensione.

Aroma

Il percorso olfattivo si apre all’insegna degli agrumi mediterranei. La freschezza tanto decantata si sente tutta. La frutta è come appena tagliata, effetto macedonia. L’intensità è notevole e la ricchezza del bouquet non è da meno. In testa c’è l’esotico passion fruit. Il corpo preferisce invece il Mediterraneo, con i suoi agrumi ricchi di polpa succosa (arancia, pesca, mandarino). Infine una variante tropicale (melone e kiwi). Il cuore torna nuovamente all’altezza dei Tropici, dove fa scorta di mango. Piacevole.

Gusto

La freschezza aromatica si trasforma in un’esplosione di gusto e la macedonia diventa un intero banchetto imbandito a frutta. Impossibile non farne una bella scorpacciata. La prima sorsata è eloquente: Wild Beer Fresh spreme la frutta e ne distilla la parte agrumata e citrica. Il risultato è una bella dose di amaro in bocca. La frutta inizialmente allieta il palato e poi lo prosciuga. Dopodiché, una volta compiuta l’opera, l’amaro esaspera l’arsura e costringe a un altro sorso. C’è solo una cosa da fare: bere, bere, bere. Et voilà, in men che non si dica la birra è magicamente scomparsa.

Le note riprendono più o meno quanto anticipato al naso, rispetto al quale c’è un bel tappeto maltato. All’ingresso si affacciano buccia d’arancia amara, pesca a pasta gialla e leggero nocciolo di pesca. Segue la frutta tropicale: melone giallo, frutto della passione, kiwi. Carbonazione accentuata, corpo medio e mouthfeel pieno, tondeggiante ma con qualche stilettata aspra. Retrolfatto e retrogusto di curaçao, rispettivamente liquore e buccia. Ripulente.

Wild Beer Fresh è stata concepita con un solo scopo: mostrare al genere umano le potenzialità del luppolo fresco. Ci riesce alla grande, regalando al consumatore tutto lo splendore del verde cono.

Hai mai assaggiato la Wild Beer Fresh? Cosa te ne pare?

  • Aspetto
  • Aroma
  • Gusto
3.8
Sending
User Review
0 (0 votes)

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

calix-niger-birrificio-dei-castelli-chocolate-stout

Calix Niger Chocolate Stout Birrificio dei Castelli

Calix Niger del Birrificio dei Castelli è una birra di colore scuro, suadente come il ...