viaggio birrario stati uniti

Viaggio birrario definitivo: USA da est a ovest

Dalla East alla West Coast, da New York a San Francisco, per un totale di oltre 4.000 miglia. Il mio viaggio birrario negli USA si preannuncia micidiale.

Chi mi segue sa che amo il viaggio birrario, ovvero la variante goliardica del tipico classico viaggio da turista. Ma che cosa si intende per viaggio birrario? In soldoni si tratta di costruire un itinerario sulla base di birrifici, brewpub e locali birrari. Finora ho sempre avuto grandi soddisfazioni, ovunque sia andato. Irlanda, Inghilterra, Scozia, Galles, Belgio. Alla lista dei desideri mancano ancora due tasselli fondamentali, ovvero Germania e Repubblica Ceca. Ma se devo essere sincero il mio viaggio birrario definitivo si trova molto più lontano, al di là dell’oceano. Sto parlando degli Stati Uniti.

Mi hanno fatto la testa come una campana parlando degli USA.

E’ da quando ho iniziato a interessarmi alla birra artigianale che ne sento parlare. Chi ci è stato ed è tornato indietro per raccontarlo ne ha parlato in termini entusiastici, descrivendo gli USA come l’El Dorado della birra. Del resto stiamo parlando di un Paese con un tasso di apertura di nuovi birrifici mostruoso – qualcosa come 1.000 ogni anno – per un totale di circa 7.000 complessivi. Insomma, sento parlare di Stati Uniti e inizio a sognare. Ebbene, finalmente è giunto il momento di visitarli ‘sti Stati Uniti!

Sarà un luuungo viaggio birrario.

La partenza è fissata per il 10 Settembre 2017, destinazione New York City. La più grande città degli USA ha tanto da offrire. Per ora ho messo in agenda una visita alla Brooklyn Brewery (Brooklyn), al pub specializzato nel barbecue Fette Sau e i locali Top Hops e Jimmy’s No. 43.

Dopodiché inizierà il percorso che mi porterà dalla costa est a quella ovest. Farò tappa a Philadelphia, Adamstown, Hershey, Pittsburgh, Akron, Cleveland, Ann Arbor e Grand Rapids. Infine Chicago, altro epicentro birrario. Qui non ci sarà tempo neanche per respirare, visto che di potenziali birrifici da visitare ve ne sono una caterva.

Sulla strada come Jack Kerouc lungo la Mother Road.

A questo punto proseguirò verso ovest , un po’ “on the road” come il celebre libro di Jack Kerouac, un po’ sulle più moderne highway. I grandi centri birrari saranno St. Louis, Kansas City, Longmont e Denver, ma sono sicuro che anche le località minori mi riserveranno grandi sorprese. Il viaggio birrario si concluderà in quel paradiso che tutti gli appassionati di luppolo sognano: la California. Qui la già elevata popolosità dei birrifici statunitensi raggiunge l’apice, visto che stiamo parlando di uno stato che da solo può vantare qualcosa come 1.000 birrifici circa. Se poi ci si avvicina alla città di Santa Rosa (casa di un certo Russian River) è la fine.

Questo è l’itinerario di massima. E la cosa bella sai qual è? Che questo non sarà solo un viaggio birrario, bensì un “viaggio nel viaggio”. Esatto, perché gli USA saranno solo la prima tappa di una luna di miele di un anno in giro per il mondo. Che idea romantica, eh?

Di certo questo viaggio birrario non sarà il mio viaggio definitivo. Lo sarà invece per il mio povero fegato. Stati uniti, preparatevi: sto arrivando!

Cosa ne pensi del mio viaggio birrario negli Stati Uniti? Tu quali luoghi consigli di visitare? Dammi qualche consiglio!

x

Check Also

birstrò baronissi bacheca

Birstrò 2.0: quando la birra sposa il buon cibo

Il Birstrò 2.0 è un pub moderno situato a Baronissi,dove la birra artigianale si sposa ...