Via Priula Rosa! bière Blanche

Via Priula Rosa!Del Birrificio Via Priula di San Pellegrino Terme ho già avuto modo di presentarvi le splendide etichette birrarie. Siccome non basta “guardare ma non toccare (anzi, bere)” passiamo all’assaggio di una delle sue label più riuscite. Dopo la Dubec, provata in questa precedente occasione, oggi tocca alla Via Priula Rosa! , birra in stile blanche ai lamponi, dedicata al ciclismo agonistico e al Giro D’Italia e che, in queste veste grafica rinnovata, vuole rendere omaggio a Ivan Gotti, “eroico” ciclista e concittadino.
Bottiglia da 33 cl, 4,3 % abv, 11 Plato, 13 IBU.
Premiata a Birra dell’anno 2013 con medaglia d’oro e con bronzo nel 2012 nella medesima categoria, “Birre alla frutta”.

Etichetta

Ineccepibile. Questa etichetta rappresenta un esempio di stile, col suo fantastico colore e l’inconfondibile logo in evidenza. Accurata e dettagliata anche la parte descrittiva. Assolutamente da imitare!

Colore

La Via Priula Rosa! è fedele al nome. Nel bicchiere si presenta di colore oro carico, tendente all’ambra, leggermente velato, con riflessi dorati. A tratti la colorazione assume un rosa pallido, simile al succo di pompelmo rosa. Corpo opalescente, da cui traspare una vivace e rapida fermentazione interna.

Schiuma

Cappello di schiuma abbondante in sede di spillatura, a riposo si abbassa per poi mantenersi a media altezza. Elevata la persistenza al bicchiere. Trama fine e compatta, aspetto cremoso. Colore bianco vivido, che è sempre un bel vedere.

Aroma

L’impatto olfattivo è spiccatamente forte e pungente, quasi frizzante, mette in risalto la componente fruttata (lamponi soprattutto, ma anche pesca, banana e frutta candita) ed una grande acidulità, che sembra tuttavia superare il confine dello stile blanche per entrare in territorio fastidiosamente lattico. Questa parte dell’aroma non si apprezza al meglio. Al naso si percepiscono poi, più in sottofondo, una leggera speziatura offerta dal lievito e, a seguire, le note tipicamente maltate: burro, biscotto e mollica di pane, che creano un finale olfattivo incredibilmente tondo, morbido, quasi “palpabile”.

Gusto

Con un aroma così invitante, non posso che fiondarmi sul bicchiere. In bocca, per fortuna, la parte lattica sembra scomparire, sostituita da un retrogusto acidulo ma piacevole . L’imbocco è pieno e tondeggiante, il passaggio consistente e l’ingoio corposo e vellutato, che avvolge completamente la bocca ad eccezione di una leggera astringenza palatale. Bassa carbonazione e scarsa persistenza amarostica. Rispetto all’aroma, il gusto esalta in primis la parte maltata, con note di biscotto, pane, cereali, miele. Dopo un leggero passaggio watery, infine, arriva la frutta: nuovamente lamponi, ma anche pesca, mandarino e fragoline di bosco.

Via Priula Rosa! è una bière Blanche ottimamente riuscita. In soli 4,3 gradi contiene tanta roba, senza tuttavia cadere nell’acquosità. Fa storcere il naso l’off flavour percepito all’aroma. Per fortuna il gusto compensa abbondantemente, dove morbidezza e fragranza sono tali da rendere i malti masticabili.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

noiz blackground oatmeal stout

Noiz Blackground Oatmeal Stout

Altra birra, NOIZ Blackground, altra corsa: ritorna sul blog il birrificio riminese NOIZ. Dopo i ...