spalt varieta luppolo

Varietà di luppolo: lo Spalt delle Alt

Spalt è il nome del luppolo originario dell’omonima regione tedesca, membro dei cosiddetti luppoli nobili.

Lo Spalt è uno di quei luppoli nati che fa girare la testa a tutte le birre. Ve li ricordate i cosiddetti luppoli nobili? Beh, lo Spalt è uno di loro, uno di quelli “nati con la camicia”. Sono quattro in tutto, tre di cui tedeschi, ciascuno originario di una specifica area geografica. Così come nel mondo del vino, infatti, anche in quello della birra si può parlare di terroir. Ci sono l’Hallertauer Mittelfrüh, il Tettnanger Tettnang e lo Spalt, originario dell’omonima regione tedesca e pertanto anche chiamato Spalter Spalt.

Nello Spalt il luppolo è un affare antico.

Spalt è una regione tedesca della Baviera, situata a sudovest di Norimberga. Si tratta di una regione in cui la coltivazione di luppolo si perde nel tempo. Era il lontano 1538 quando questo luppolo ricevette il primo certificato mondiale in assoluto di qualità. Il riconoscimento gli fu offerto dal principe e arcivescovo di Eichstätt, a suggellamento dei suoi elevati standard qualitativi.

Nella sua luppolina non scorre solo Germania.

L’ultimo luppolo nobile è originario della Repubblica Ceca e si chiama Saaz. Nonostante le distanze geografiche i due luppoli hanno molto in comune, tanto da essere considerati sostituti. Lo stesso accade al Tettnang tedesco e all’altro luppolo originario della medesima regione, lo Spalter Select. Al pari di tutti questi luppoli, lo Spalt è particolarmente indicato per le birre di scuola tedesca, sia quelle a bassa fermentazione (Helles, Pilsner e Bock), sia quelle ad alta fermentazione (Kölsch). Ma se proprio dobbiamo dirla tutta le sue birre predilette sono le Altbier di Düsseldorf, cui fa dono del loro caratteristico sapore delicatamente fruttato.

Lo Spalt in numeri.

Come tutti i luppoli nobili si caratterizza per un quantitativo ridotto di alfa-acidi (4-5%) e presenta un basso livello di co-umulone (23-28% degli alfa-acidi). E’ questo il motivo del suo amaro elegante, morbido e delicato, e del suo aroma importante se paragonato all’amaro. Variopinta la composizione di oli essenziali: poco mircene (15%), umulene (25%) e cariofillene (15%), mentre molto elevato è il floreale farnesene (15%). Viene principalmente impiegato come luppolo da aroma ed è in grado di fornire un profilo terroso e delicatamente citrico. E’ poi resistente alla verticillosi e la peronospora. L’unico nero è la scarsa resa in fase di coltivazione ed è per questo motivo che non è stato coltivato anche in America.

Pochi luppoli riescono a identificarsi con uno specifico stile birrario. Lo Spalt è uno dei pochi a esserci riuscito. Forte dei suoi natali, cammina a testa alta mentre tutte le birre di stampo tedesco lo corteggiano. Ma lui ha occhi solo per le Alt ed è a loro che offre il meglio di sé.

Conoscevi lo Spalt? Quali birre conosci prodotte con questo luppolo?

 

x

Check Also

varieta luppolo stratovulcano kazbek

Varietà di luppolo: lo stratovulcano Kazbek

Kazbek è il “luppolo nobile” che ha rinnegato le sue radici e si è lasciato ...