varieta luppolo orfanello fuggle

Varietà di luppolo: l’orfanello Fuggle

Il Fuggle è un classicone, una delle due tipiche varietà di luppolo inglesi.

Del Fuggle tutto si può dire tranne che è cattivo. Anzi, è un “pezzo di pane”. Questo luppolo è emblema del carattere inglese: composto, educato, gentile. Assieme ai luppoli della famiglia Goldings rappresenta una delle due varietà di luppolo tipiche della birra inglese. Purtroppo è stato proprio il suo essere troppo “tranquillo” a farlo passare di moda. Oggi impazza l’amaro e il super luppolo ricco di alfa-acidi domina la scena. Questo ha costretto il Fuggle a cercare nuove strade, adattandosi da luppolo da amaro ad aroma. Ma non è bastato: il Fuggle è diventato orfanello. Gli unici ancora disposti ad adottarlo sono i birrai inglesi, fedeli alle ricette tradizionali.

Sulle sue origini c’è un grande punto interrogativo.

Fino a poco tempo fa si era convinti che la storia del Fuggle fosse esattamente quella raccontata da John Percival nel suo “The Hop and its English Varieties” (1901), pubblicato nel Journal of Royal Agricultural Society of England (vol. 62). Secondo l’articolo pare che il Fuggle sia stato scoperto nel giardino dei coniugi Stace nel 1861 e successivamente commercializzato da tal Richard Fuggle di Brenchley, città del Kent inglese. Secondo il blogger inglese Martyn Cornell (Zythophile) non è tutto vero.

Recenti scoperte hanno messo alla luce due dettagli prima ignorati.

Il primo è che Mr. George Stace in realtà si chiama George Stace Moore. Non fa differenza, dirai. Beh, al contrario: cercare a ritroso negli archivi storici è già di per sé come cercare un ago in un pagliaio. Figurarsi con un nome sbagliato! Il secondo riguarda proprio l’origine del nome del luppolo: si riferisce sicuramente alla persona che lo commercializzò per prima ma non necessariamente a Richard Fuggle. Su ambedue le questioni si è fatta tanta speculazione. Preferisco concentrarmi sul luppolo ma sappi che il dibattito è ancora aperto.

Delicato, erbaceo e leggermente floreale.

A livello di amaro non se la cava male. Possiede un range di alfa-acidi variabile nella forbice 3.5-5.5%. Mentre a livello gustativo il suo profilo è paragonabile a quello di un tè verde. Dalla prima versione di Fuggle sono nati due spin off: lo sloveno Styrian Golding e il Fuggle americano. Ambedue presentano caratteristiche leggermente diverse dall’originale per effetto del terroir. Non solo. Fa parte dell’albero genealogico che ha dato i natali ai luppoli Cascade, Willamette e Glacier. Di certo non è un luppolo che fa gridare al miracolo. Tuttavia è umile ed educato. E questo per molti birrai, i pochi che ancora si “ostinano” a utilizzarlo, è più che sufficiente.

Chi sia il fantomatico Mr. Fuggle rimane un mistero. Quello che importa è che, nell’epoca in cui tutto è tric e trac e bombe a mano, qualche birraio è ancora disposto ad adottare un luppolo così umile.

Esempi di birre prodotte con luppolo Fuggle:

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

mosaic-varietà-luppolo-birramoriamoci

Varietà di luppolo: l’enigmatico Mosaic

Il Mosaic è una varietà di luppolo imparentata al Simcoe ma ad alto rendimento. Laddove ...