p3-brewing-company-speed-golden-ale-birramoriamoci

Speed Golden Ale P3 Brewing Company

Speed Golden Ale, prodotta da P3 Brewing Company, è una birra d’impronta amara, dosata.

Speed Golden Ale segna il ritorno sul blog di P3 Brewing Company, birrificio sardo del quale ho già tessuto le lodi (artistiche) con un articolo dedicato alle sue splendide etichette. Turkunara, 50 Nodi e la presente Golden Ale chiamata Speed. Infine una Limited Edition da 500 bottiglie, nata per celebrare i 110 anni della squadra calcistica S.E.F. Torres. Dalle parole ai fatti. E’ un piacere stappare la prima bottiglia di questo giovane birrificio, lo è ancora di più considerando che si tratta di un regalo da parte del birrificio stesso. Indipendentemente da quello che avrò il piacere di bere, i miei doverosi ringraziamenti non saranno mai abbastanza: cheers!
Bottiglia da 75 cl, 5% abv, 28 IBU.

Colore

Colore oro carico, vivido, dai riflessi appena ramati. Aspetto leggermente opaco, effervescenza tenue.

Schiuma

Elegante chapeau di bianchissima schiuma, di media altezza, buona persistenza e ottima aderenza. La trama è piuttosto grossolana, dall’aspetto saponoso.

Aroma

Impatto olfattivo molto interessante ed invitante, sbilanciato sulla parte dolce di malto — come si addice ad una buona Golden Ale — pur senza tralasciare un leggero erbaceo luppolato ed un inusuale sentore speziato (pepe, terroso), che potrebbe far confondere con una Belgian Ale. Malto, dicevamo, dalla discreta fragranza, forma un bouquet olfattivo non particolarmente ricco ma certamente pulito e ben definito: crosta e mollica di pane bianco, cereali, mou, miele millefiori, leggero burroso (diacetile). Intermezzo floreale di camomilla, poi subentrano note fruttate e luppolate: scorza d’arancia, limone e mandarino per le prime, erba di prato appena tagliata e leggera resina per le seconde.

Gusto

Ingresso morbido e tondeggiante, accarezza dolcemente tutta la bocca lasciando intravedere la presenza watery. Segue passaggio scorrevole, molto minerale, mentre il finale si divide in due parti: la prima è dominata dalla componente watery, con l’impressione di bere acqua dolce zuccherata, la seconda invece è molto più intrigante. Da metà corsa in poi, infatti, la birra assume maggiore consistenza maltata, richiamando al gusto le medesime note percepite all’aroma, mettendo però in particolare evidenza il fruttato spiccatamente aggrumato (scorzetta d’arancia a gogo) e regalando nel finale un amaro di bassa intensità, contenuto ma prolungato e piacevolmente pungente, fresco, denso di resina e aghi di pino. Media carbonazione, corpo leggero (anche troppo). Birra che spinge tanto l’acceleratore sulla beverinità.

Speed Golden Ale: conclusioni.

Speed Golden Ale ha personalità da vendere: si distacca coraggiosamente dai canoni stilistici intraprendendo l’ambiziosa strada dell’originalità creativa, culminando in un finale agrumato dal retrogusto resinoso.

  • Aspetto
  • Aroma
  • Gusto
3.5
Sending
User Review
0 (0 votes)

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

noiz blackground oatmeal stout

Noiz Blackground Oatmeal Stout

Altra birra, NOIZ Blackground, altra corsa: ritorna sul blog il birrificio riminese NOIZ. Dopo i ...