risotto-radicchio-e-gorgonzola

Risotto radicchio e gorgonzola: ricetta e abbinamento

Il risotto radicchio e gorgonzola è il ritratto della cucina italiana: semplice e saporita.

Da quando mi sono trasferito in Veneto il radicchio Trevigiano ha approfittato della mia curiosità ed ha fatto capitolino nella mia cucina. In poco tempo è diventato uno dei miei ingredienti preferiti e il risotto radicchio e gorgonzola è stata la sua migliore declinazione. Giusto compromesso tra leggerezza delle verdure e apporto calorico massiccio dei formaggi, questo piatto si presta a numerose varianti e può essere facilmente ingrassato o snellito a seconda del gusto.

Ingredienti per 4 persone

  • 400 gr di Riso Carnaroli (Az. Agricola Passiu disponibile su EvoItalyFood) o Vialone Nano
  • 100 gr di Gorgonzola dolce
  • 200 gr di Radicchio Trevigiano
  • 1 lt di Brodo di verdure
  • mezza cipolla
  • olio evo qb.
  • 1 cucchiaio di Parmigiano Reggiano per mantecare

Preparazione

Il risotto radicchio e gorgonzola è piuttosto si prepara facilmente lavorando su due piani. Prima si lava il radicchio, si asciuga e si taglia in perpendicolare rispetto alla sua lunghezza, a listarelle. Basta mettere il radicchio in un piccolo tegame coperto, con un filo di acqua sul fondo, e lasciarlo appassire a fiamma bassa per circa 30 minuti.

Si potrebbe usare del burro ma non lo trovo necessario. Piuttosto quando il radicchio inizia ad appassire si può aggiungere il gorgonzola, che lentamente verrà liquefatto. Obbligatorio coprire il tegame con il coperchio: in ballo c’è il rischio di divorare il radicchio prima di utilizzarlo.

Nel frattempo ci si può dedicare al risotto. C’è chi parte dal classico soffritto di cipolla, eventualmente addizionato di sedano e carote. Mia madre mi ha sempre insegnato che con il risotto si prepara con una noce di burro, e di tale insegnamento ho fatto tesoro. Ma non questa volta.

Considerando che il risotto verrà già abbracciato dalla grassezza e dall’untuosità del gorgonzola, ho preferito evitare. Soprattutto in questi casi mi piace tostare il riso come si deve prima di iniziare a cucinarlo, facendolo saltare anche diversi minuti in una padella antiaderente. Il tutto mentre in un altro padellino sta scaldando il brodo.

Quando il riso risulta tostato si inizia ad aggiungere il brodo. La fiamma va aggiustata in maniera tale che il risotto continui a borbottare senza però esplodere come un vulcano, mentre il brodo dovrà essere aggiunto gradatamente, lasciando il risotto appena coperto.

Nell’ultima parte di cottura del riso, a seconda della varietà scelta, si può aggiungere il radicchio ormai appassito e il gorgonzola ormai liquefatto. Una bella mescolata e via agli ultimi minuti di cottura. In questa fase è fondamentale rimanere corti con il brodo, ché non si sa mai quando la cottura è ultimata. Il rischio di portarlo a tavola scotto e tristemente molliccio è dietro l’angolo.

La cucina italiana ritiene quasi scontato che, a fiamma spenta, il risotto venga mantecato con il Parmigiano Reggiano. Ritengo che sia un sacrificio necessario. Un cucchiaio, senza esagerare, sarà sufficiente a dare maggiore cremosità e quel tocco di umami tipico del risotto all’italiana.

Risotto radicchio e gorgonzola: birra consigliata.

Gli elementi in gioco sono diversi e le possibilità molteplici. Sia il radicchio che il gorgonzola sono due cosiddetti ingredienti “scuri”, frutti della terra che ne caratterizza il profilo organolettico. Niente di meglio che una bella Saison, rappresentazione liquida della campagna belga, per un matrimonio italo-belga da leccarsi i baffi. Per non esagerare ho scelto una Saison rustica ma non troppo: Sibilla di Birra Toccalmatto, disponibile su Cantina della Birra (usa il codice “birramoriamoci10” per ricevere il 10% di sconto).

Il radicchio, soprattutto quello Trevigiano, possiede marcata amarezza. Ma niente paura, verrà addolcita dal gorgonzola. Ecco, il gorgonzola. Personalmente amo i sapori piccanti. Tuttavia il piccante viene esaltato dall’amaro e dalle bollicine, elementi che sono rispettivamente presenti nel radicchio e nella birra scelta.

Il gorgonzola dolce aiuterà a tenere a bada qualsiasi pericolo. Se poi ci si vuole coccolare c’è sempre spazio per una bella salsiccia calabrese, anche lei probabilmente piccante. L’aggiunta non costerà fatica e il palato ringrazierà. Buon appetito!

Il risotto radicchio e gorgonzola regalerà un sorriso alla vostra giornata. A voi la scelta se ingrassarlo o meno, comunque vada avrete già la vittoria a tavolino. Anzi, a tavola.

E voi quale birra abbinereste al risotto radicchio e gorgonzola? 

x

Check Also

porter-vs-stout-sfida-birramoriamoci

Porter VS Stout: sfida all’ultimo morso

Porter VS Stout e un obiettivo: determinare quale delle due birre sta meglio in abbinamento ...