polyrhythm-ipa-galway-bay-beavertown

Polyrhythm IPA Galway Bay/Beavertown Brewery

La moda delle succose New England IPA invade anche Irlanda e Inghilterra: dalla collaborazione tra Galway Bay e Beavertown nasce Polyrhythm IPA.

Polyrhythm IPA è una birra “a quattro mani” realizzata dal birrificio irlandese Galway Bay in collaborazione con quello inglese Beavertown Brewery. Si tratta di una IPA, meglio ancora di una New England IPA (NEIPA), altresì nota con il termine di Hazy o Juicy IPA. In ricetta ci c’è uno dei malti più gettonati degli ultimi anni (Golden Promise) assieme ad avena, frumento e malto Carapils. Dopodiché è tutta questione di luppoli (Idaho 7, Simcoe e Azacca), utilizzati in quantità generose, sia in fase di bollitura che di whirlpool e successivamente anche in dry hopping. Infine c’è la firma del lievito New England, originario del Vermont.

Lattina da 44 cl, 7.2% ABV, lotto #537. Grazie a Regalli Birra per il campione assaggio.

polyrhythm-ipa-galway-bay-beavertown-recensione

Aspetto

Denso e consistente cappello di schiuma pannosa, persistente e ben aderente alle pareti. Il colore è oro vivo, l’aspetto leggermente velato.

Aroma

Il naso è un’esplosione di frutta tropicale, con l’ananas (sciroppata) a fare da nota di testa. Seguono mango, melone e kiwi, creando un mix che non ha nulla da invidiare a un cocktail tropicale. Il corpo dà spazio alla delicata speziatura (pepe, buccia d’arancia) e al delicato floreale (borragine). Il cuore è invece maltato: miele d’arancio, cereali, grano e una fragrante nota di biscotto.

Gusto

Carbonazione tenue, corpo medio e mouthfeel tondo e avvolgente. Polyrhythm IPA ha una consistenza tattile che nasconde il contenuto etilico sotto un’avvolgente coperta. La falsata percezione alcolica rende la bevuta ancora più agile. E’ solo dopo la deglutizione che il bevitore è invitato a rallentare, non tanto per l’amaro quanto piuttosto per l’incisiva nota calda e solleticante (pepe) che si piazza inamovibile all’altezza della gola. L’ingresso evidenzia la dolcezza dei malti impiegati, riprendendo quanto evidenziato al naso: miele, cereali, frollino. Solo successivamente il baricentro si sposta sul fronte amaro. Si insediano dapprima gli agrumi (buccia d’arancia), dopodiché subentrano le note agrodolci della frutta esotica (ananas, maracuja, melone, kiwi). Lungo e persistente retrogusto amaro, sottile, agrumato, incalzato dalla nota pepata.

Polyrhythm IPA è una birra generosamente luppolata. Ma non è una birra che lascia l’amaro in bocca, anzi: cremosità tattile e contrasto agrodolce la rendono una sorta di dessert liquido. Ben fatta!

Vuoi assaggiare anche tu la Polyrhythm IPA? Acquistala su Regalli Birra!

  • Aspetto
  • Aroma
  • Gusto
3.8
Sending
User Review
0 (0 votes)
x

Check Also

pohjala-cherry-banger

Pohjala Cherry Banger Imperial Stout

Pohjala Cherry Banger è una Imperial Stout arricchita da ciliegie, cioccolato e baccelli di vaniglia. ...