noiz blackground oatmeal stout

Noiz Blackground Oatmeal Stout

Altra birra, NOIZ Blackground, altra corsa: ritorna sul blog il birrificio riminese NOIZ. Dopo i precedenti assaggi di birre chiare (Golden Ale e Blanche) e ambrate (Altbier e American Pale Ale), tocca finalmente a una birra scura, giustamente chiamata NOIZ Blackground, appartenente al sottogenere delle Oatmeal Stout, arricchite con avena.

Lattina da 40 cl, 4.2% ABV, lotto L24620.

Aspetto

Colore nero, impenetrabile salvo leggeri riflessi rubino in controluce; in testa forma un cappello di schiuma cremosa e persistente, spessa un dito, di colore beige.

Aroma

Avena e caffè espresso, ci sono entrambi. Il combinato suggerisce l’immagine cinestesica di un buon porridge; ed è subito English breakfast. Sono i malti torrefatti a prevalere, intensi, ben al di sopra di quanto l’alcol potesse lasciare immaginare. Toffee, biscotto quasi bruciato, cioccolato fondente, moka. L’avena ingentilisce il corredo olfattivo, aggiungendo note di cereale crudo, in fiocchi, con vaghe allusioni ai campi. E’ la quadratura del cerchio, icona bislacca di una bevuta tradizionale, oggi presente sulle tavole in moderno formato lattina. Frutta secca a margine, memoria di un Nocino; più ficcanti i frutti rossi, con prugne e uvetta ad abbellire.

Gusto

Corpo medio/leggero, carbonazione media, sensazione tattile che beneficia della presenza dell’avena, trovando la giusta morbidezza – un filo setosa – in mezzo alle incursioni acide del caffè espresso. Gusto di pari livello rispetto al naso, il che è già un’ottima cosa. Tostato in pompa magna, con la crosta di pane inframezzata da tratti bruciati o addirittura carbonizzati; questa birra si conferma simposio delle torrefazioni. Il cioccolato fondente crea un amaro intenso e persistente; il caffè rincara la dose, poi si pente e snellisce la beva, donandole la giusta acidità e corrispondente freschezza. Due facce della stessa medaglia, anzi dello stesso malto. Finale giustamente secco e tanto amaro, mai astringente, con un retrogusto di cioccolato fondente e un retronasale di caffè e frutti rossi, quasi ardisse a diventare un Mon Cheri.

NOIZ Blackground: conclusioni

Le ottime premesse, maturate alla luce delle bevute precedenti, vengono confermate – e addirittura superate – dall’assaggio di questa birra. NOIZ Blackground è una strepitosa Oatmeal Stout, che non soffre del passaggio di testimone dai luppoli ai malti. Anzi, forse è proprio in questi secondi che risiede il punto di forza di questo emergente e sempre più interessante birrificio.

 

  • Aspetto
  • Aroma
  • Gusto
4
Sending
User Review
0 (0 votes)

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

noiz slow blanche

Slow Blanche NOIZ Brewery

Con Slow Blanche si torna a parlare del birrificio NOIZ, in precedenza protagonista della Karmik ...