mercato-della-birra-samuel-adams-dogfish-head-fusione

Mercato della birra: Samuel Adams sposa Dogfish Head

Colpo grosso nel mercato della birra: Samuel Adams e Dogfish Head danno vita al gigante della birra artigianale.

Gli italiani vanno matti per il calciomercato ma in questi giorni anche il mercato della birra promette fuochi d’artificio. Negli Stati Uniti è avvenuto un accadimento che ha scosso il settore, da una parte all’altra dell’emisfero. Un perfetto esempio di “effetto farfalla” e di come il mondo della birra artigianale sia diventato decisamente più “piccolo” di quanto non lo fosse anni addietro. Mi riferisco alla fusione tra due dei più grandi e rappresentativi birrifici artigianali statunitensi: Samuel Adams (quello della Boston Lager) e Dogfish Head (lo stesso che ha partecipa a Eataly New York), rispettivamente birrificio numero 2 e numero 13 in ordine di dimensione (fonte: Brewers Association). Una fusione stellare, dal valore di nientepopodimeno che 300 milioni di dollari.

Una scossa all’intero mercato della birra.

I due capitani: Jim Koch di Samuel Adams (sinistra) e Sam Calagione di Dogfish Head (destra)

Sorvolo sui dettagli economici della fusione – tecnicamente un sellout – e vado dritto al succo del discorso, discutendo gli effetti di questo accadimento per il mercato della birra. Per molti questa colossale fusione è uno dei primi tentativi da parte del comparto artigianale di fare squadra contro la pericolosissima avanzata dell’industria birraria.

In Italia ne arriva soltanto la flebile eco ma negli Stati Uniti quella delle acquisizioni in ambito birrario è un fatto serio. Negli ultimi anni abbiamo assistito impotenti a una vera e propria strage: Goose Island, Ballast Point, Anchor. A dire la verità neppure i birrifici italiani sono stati risparmiati, visto che Birra del Borgo, Birradamare, Birrificio del Ducato e Toccalmatto sono entrati nel mirino dell’industria, seppure con modalità diverse.

E non è neppure la prima volta che il fenomeno della concentrazione interessa il mercato della birra artigianale. Sempre per rimanere in terra statunitense, poco tempo fa il birrificio Sierra Nevada ha acquisito il birrificio californiano Surrerfest.

E’ però la prima volta che la fusione avviene tra due big player artigianali. Una fusione che, come nei migliori cartoni animati giapponesi, darà vita al “campione” della birra artigianale, che difenderà gli interessi dell’intero comparto dalla sua immortale nemesi. Insomma, una fusione che dovrebbe rappresentare il bene comune. Ma sarà veramente così?

Fusioni birrarie: pro e contro.

mercato-della-birra-samuel-adams-dogfish-head

Non tutti sono convinti della presunta bontà della fusione, ovviamente. Le perplessità da parte degli appassionati riguardano diversi aspetti. Dal punto di vista puramente concettuale la fusione intaccherebbe l’indipendenza dei due birrifici, che verrebbe definitivamente meno. Questo non significa necessariamente che vi saranno cambi di carattere qualitativo nei prodotti delle rispettive aziende – secondo me il vero fattore portante – quanto piuttosto di carattere affettivo. Come un appassionato che vede il campione della propria squadra del cuore cambiare maglia: un colpo al cuore.

Non solo. E’ già accaduto in passato che fusioni di questo tipo fossero il preludio alla successiva acquisizione da parte dell’industria. Sarà questo il caso? Speriamo di no, perché sarebbe un colpo devastante per tutto il mercato della birra artigianale.

Il mercato della birra sta vivendo una stagione di grande fermento e anche il comparto artigianale ha deciso di prendere parte al gioco. E’ ormai finita l’era romantica, fatta di piccoli birrifici romantici concentrati solo su una piccola nicchia produttiva. E’ giunta l’era delle acquisizioni.

Personalmente credo che la fusione innescherà un moto positivo. E tu cosa ne pensi?

x

Check Also

game-of-thrones-yorkshire-heart-brewery-beer

Game of Thrones: dall’Inghilterra quattro nuove birre

Dopo l’americano Ommegang, anche l’inglese Yorkshire Heart crea birre dedicate a Game of Thrones. Tutti ...