meantime yakima red

Meantime Yakima Red Ale

Meantime Yakima Red, birra in stile Red Ale. Il nome deriva dall’americana Yakima Valley, area dove si coltivano tra le migliori specie di luppoli al mondo.

Meantime è un birrificio londinese, famoso prima in Inghilterra e poi nel mondo. La sua storia comincia nel 1999, quando un certo Alastair Hook decide di tuffarsi nel mondo brassicolo. Per farlo chiama dalla sua parte Peter Schmidt, ex birraio della Red Hook. Yakima Red è un birra il cui nome racconta molto di sé stessa. Una Red Ale, per l’appunto, nata come tributo ai luppoli americani provenienti dalla famosa Yakima Valley (Washington State). La ricetta sbandiera pertanto stelle e strisce: Cascade, Citra, Centennial, Amarillo, Simcoe sono tutti luppoli di origine statunitense, mentre i malti sono inglesi e tedeschi.

Ringrazio innanzitutto IperDrink per avermi offerto questo assaggio. Dopodiché stappo, verso e bevo. Alla salute!

Bottiglia da 33 cl, 4,1% abv.

Schiuma

Grana mista, abbondante, di aspetto cremoso e colore avorio. La persistenza è media e l’aderenza alle pareti notevole.

Colore

Rosso rubino con sfumature cola, aspetto completamente limpido e frizzantezza presente ma lenta.

Aroma

L’impatto olfattivo premia le voluttuose curve dei malti caramello. E’ un caramello gradevole, assolutamente non stucchevole. Persino caramellato a sua volta, nella misura in cui presenta sfumature tostate (orzo). Offrono slancio le note di malti (crosta di pane, biscotto, mou). In mezzo, non prima non dopo, c’è una carezza aromatica che richiama i luppoli, apportando una brezza di resina e aghi di pino. A tratti si sente anche un po’ di caffè. Ma non è caffè espresso. E’ una bevanda al caffè. Hai mai bevuto la Brasilena? Sapresti a cosa mi riferisco. Caramellata.

Gusto

Il corpo è sottile, esile ed estremamente scorrevole. Eppure gustoso. Nella sua sottile consistenza tattile, Yakima Red nasconde corpo medio e buona carbonazione. Anche in bocca, come al naso, prevale la componente maltosa. Qui, però, il caramello lascia spazio alle tostature. E soprattutto alla ben più percettibile presenza amara dei luppoli. Andiamo per gradi. La prima sensazione è quella del tè alla pesca allungato con acqua. Subito dopo la coca-cola, ovvero una bevanda gasata con richiami tostati (caffè). Quindi, finalmente, arriva il pane umido e il tenue caramello. Tutto il sorso è sottile. Sarà la deglutizione a esploderne il potenziale latente: caramello, orzo e di nuovo tostature (cacao e cioccolato fondente), lasciano il cavo orale piacevolmente stuzzicato. Retrolfatto tostato (cacao, cioccolato fondente), retrogusto in cui c’è una parvenza di resina mista a biscotto. Tostata.

Meantime Yakima Red unisce egregiamente la componente maltosa e quella luppolina. Il risultato è abbondantemente gradevole. Preparati: il contributo dei luppoli americani non è così evidente come la si descrive. Aroma quasi tutto in mano ai malti, gusto amaro ma da tostature piuttosto che da luppoli.

Ringrazio nuovamente IperDrink per l’assaggio e ti invito a provarla. Oppure hai già assaggiato anche tu la Yakima Red?

  • Aspetto
  • Aroma
  • Gusto
3.6
Sending
User Review
4.5 (2 votes)

0 Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

calix-niger-birrificio-dei-castelli-chocolate-stout

Calix Niger Chocolate Stout Birrificio dei Castelli

Calix Niger del Birrificio dei Castelli è una birra di colore scuro, suadente come il ...