maverick dark bitter fyne ales

Maverick Dark Robust Bitter Ale Fyne Ales

Maverick di Fyne Ales è una Bitter di quelle serie: breve e concisa ma tanto saporita.

Maverick è la terzogenita del birrificio scozzese Fyne Ales. L’hanno preceduta nel bicchiere JarlPiper’s Gold e Vital Spark. Maverick è venuta alla luce nel 2002 con la dichiarata intenzione di fare breccia nel cuore di coloro i quali amano i sapori della birra inglese tradizionale. Maverick è infatti una Bitter purosangue, prodotta con l’impiego esclusivo di ingredienti (malti e luppoli) inglesi. I luppoli, in particolare, sono stati scelti per fare il minimo indispensabile, sacrificandone qualsiasi velleità amaricante o aromatica a favore di un profilo semplice e pulito. E il nome? In inglese il termine Maverick è sinonimo di ‘ribelle, individualista, anticonformista, non ortodosso, poco convenzionale’. A battezzarla così fu il vecchio co-founder, Tuggy. La ragione è oggi ignota e come ammettono al birrificio “la ragione di questo nome si è persa nel tempo”.

In ricetta: malti Maris Otter Pale e Crystal più orzo tostato e frumento; luppoli Challenger (amaro) e Bramling X (aroma).

Bottiglia da 50 cl, 4.2% abv, lotto 0507 1858.

Schiuma

Copiosa in fase di mescita, tende successivamente ad assottigliarsi sotto il dito di altezza; trama fine, aspetto cremoso, colore nocciola.

Colore

Rubino scuro quasi bruno con riflessi ambra; aspetto limpido e copiosa frizzantezza.

Aroma

Profilo olfattivo conciso e pulito, con un livello di intensità comunque non indifferente. E’ un aroma prevalentemente dolce, maltoso. La nota di testa, tuttavia, è fruttata. E’ il segno distintivo del luppolo Bramling X, che apporta note di ribes nero e chinotto. Il corpo è elogio della maltitudine: toast, farina di castagne, miele di melata di bosco, biscotto. Maverick di nome ma anche di fatto: questa birra non nasconde un’anima ribelle: liquirizia, coca-cola, caffè d’orzo, nocciola selvatica. Il cuore è nuovamente fruttato, qui più passionale: uva sultanina, more. Suggestione a parte c’è una leggera brezza che ricorda a tratti la vaniglia e a tratti lo sciroppo alla menta. Miscellanea.

Gusto

La prima sorsata è eccezionale. Maverick è davvero non convenzionale: riesce ad alleviare i pensieri senza eccessi. E’ una birra educata, senza grilli per la testa, fedele al rigore stilistico al quale appartiene. Pur tuttavia, se ti approcci a lei con la mente aperta, saprà offrirti un’esperienza sensoriale fenomenale. Carbonazione presente, corpo da medio a pieno, mouthfeel rotondo con qualche punta frizzante data dalle bollicine. La sorsata è tendenzialmente dolce. Si cambia radicalmente registro a deglutizione avvenuta, quando il dolce muta in amaro, che dopo un progressivo crescendo finisce con il riempire la bocca per poi distendersi nel lungo retrogusto. Parimenti al naso ci sono pulizia e intensità, che consentono di dissezionare il profilo gustativo nel dettaglio. La nota di punta è il ribes nero immerso in soluzione acquosa. Toast, biscotto, frollino e pan di spagna al cacao, caffè d’orzo, cioccolato fondente a media intensità, radice di liquirizia. Il nutty che tanto ci si aspetta da una Bitter arriva in chiusura, lasciando un gradevole amaro. Retrolfatto nocciolato, retrogusto amaro e leggermente aspro di chinotto. Proprio Bitter.

Ci vuole maestria nel fare la birra. Ce ne vuole ancora di più nel farne una apparentemente semplice senza scadere nella banalità. Le Bitter inglesi sono un po’ così ma Maverick gli rende onore alla grande.

  • Aspetto
  • Aroma
  • Gusto
4
Sending
User Review
0 (0 votes)

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

calix-niger-birrificio-dei-castelli-chocolate-stout

Calix Niger Chocolate Stout Birrificio dei Castelli

Calix Niger del Birrificio dei Castelli è una birra di colore scuro, suadente come il ...