birra-kalabra-saison

Kalabra Saison

Kalabra Saison è l’interpretazione calabrese di un grande classico della birra belga.

Kalabra Saison è il prodotto di una ex beer firm calabrese che qualche anno fa ha fatto il salto nel mondo dei pro. In assenza di impianti la produzione è stata realizzata in Puglia, precisamente a Foggia, presso gli impianti di Ebers e condotta dal birraio Michele Solimando. Oggi nonostante il passaggio a birrificio la produzione è rimasta in Puglia ma Birra Kalabra è subentrata in una Cooperativa Agricola ed è diventato birrificio a tutti gli effetti. La vocazione è però sempre stata calabrese: gli ingredienti made in Calabria vogliono sottolineare il legame col territorio nel quale il marchio affonda le radici.

Oggi assaggio la Kalabra Saison. La ricetta di base è quella di una Blanche, rivisitata sia nella produzione (temperature di fermentazione portate a 25 gradi centigradi) che negli ingredienti, che annoverano timo, fiori di sambuco, pepe, mirto e coriandolo. Aggiungere erbe e spezie è pratica diffusa nel mondo delle Saison, il fine è aggiungere un ulteriore livello gustolfattivo a quello prodotto dal lievito appunto Saison – il mio ricordo più emozionante rimane legato alla meravigliosa Saison D’Erpe Mere di De Glazen Toren, che non impiega spezie. La difficoltà risiede nel mantenere circoscritta l’aggiunta, limitandola a un sentore di sottofondo che non vada a prevaricare il lavoro del lievito. Ma soprattutto occorre essere parsimoniosi nelle quantità, onde evitare l’astringenza dovuta all’eccesso di spezie. Vediamo se è questo il caso.

Bottiglia da 33 cl, 5.3% ABV, lotto 19002.

Aspetto

Colore dorato e aspetto velato, riflessi giallognoli. Il cappello di schiuma è alto, denso e compatto, di un vivace bianco acceso, persistente e aderente alle pareti. Dissipandosi forma i caratteristici merletti di Bruxelles.

Aroma

Il bouquet olfattivo è matrimonio di frutta e spezie, con il suffragio dei luppoli. La frutta ha intensità media e ricorda principalmente il fruttato a pasta arancio (pesche e albicocche) con un singulto citrico d’arancia. Su un livello un filino più basso si collocano le spezie, pepe in primis, che si incontrano, si abbracciano e si confondono in un valzer floreale ed erbaceo apportato dai luppoli, da cui le spezie risultano rinforzate. Alcol? Non pervenuto. Chiude in bellezza con delicati sentori di cereale e miele d’arancia.

Gusto

Corpo medio, carbonazione decisamente elevata – dire effervescente – che acuisce la pienezza boccale. Si conferma l’egemonia di frutta e spezie, con il luppolo a serrare le fila e il malto a supporto. Il fruttato riprende la lista summenzionata aggiungendovi sentori di melone retato. Si inverte invece l’ordine delle cose, con le spezie che prevalgono sulla frutta, incalzate da una luppolatura vigorosa. Soffice tappeto di malti a dare un’illusione di dolcezza (frumento, cereali). Chiude secca, dal retrogusto tra l’acidulo del frumento e l’aspro di agrumi, ma purtroppo incontra anche l’amaro delle spezie e un’astringenza che rompe la magia.

Kalabra Saison: conclusioni.

Birra Kalabra Saison interpreta a modo suo il mito delle Saison, abbondando nell’impiego di spezie ma senza stravolgere lo stile. Interpretazione aggiungerei abbastanza scolastica e oltremodo pulita, che non si azzarda neppure a varcare la soglia della campagna che accomuna gli esemplari più “ruspanti”. Peccato per l’astringenza finale, che non compromette la bevuta ma riduce la beva.

  • Aspetto
  • Aroma
  • Gusto
3.8
Sending
User Review
0 (0 votes)
x

Check Also

birra-rogue-marionberry-sour

Birra Rogue Marionberry Sour Ale

Marionberry Sour Ale utilizza l’omonima varietà di more americane coltivate da Birra Rogue. Dall’Italia voliamo ...