brussels beer challenge italia birraria

Italia birraria di successo al Brussels Beer Challenge

Alla prima edizione del Brussels Beer Challenge 2012 l’Italia birraria ha spaccato di brutto.

Sono stati pubblicati i risultati del Brussels Beer Challenge, manifestazione birraria che in Belgio ha visto il trionfo dell’Italia birraria. I trofei più significativi sono quelli conquistati dai birrifici Birradamare (Roma) e Kamun (Predosa): due ori rispettivamente con le birre ‘Na Biretta Nera e Nocturna. Si tratta di due stili birrari non particolarmente semplici: ‘Na Biretta Nera trionfa tra le Schwarz, birre scure a bassa fermentazione di origine tedesca, mentre Nocturna vince tra le Oatmeal Stout (Stout prodotte con una percentuale di fiocchi d’avena, da cui il nome ‘oatmeal’), di chiara origine anglosassone.

Due ori per due realtà alquanto giovani.

Il risultato vale doppio se si considera la recente età di ambo i birrifici. E’ una dimostrazione di forza da parte della birra artigianale italiana: le realtà più giovani sono sempre più consapevoli del loro operato e dei traguardi che vogliono raggiungere. Del resto gli avversari sono Belgio e Stati Uniti, principali produttori mondiali di birra e paesi a fortissima vocazione brassicola. Tra gli avversari ci sono nomi eccellenti del calibro di Firestone, Duvel, Cantillon, Rodenbach. Mica micio micio bau bau!

Un’Italia birraria di “primo pelo” non si lascia intimorire, anzi.

Al Brussels Beer Challenge l’Italia birraria è stata in grado di stupire pubblico e critica. Anzi, quasi quasi il termine “stupire” inizia a essere inappropriato. E’ vero che stiamo parlando di un movimento iniziato da poco (1996) ma in meno di 20 anni l’Italia ha già fatto capire che qualitativamente non teme rivali. Insomma, l’Italia birraria è un’Italia orgogliosa.

Non solo ori: il Belpaese fa man bassa di medaglie.

Ma nel paniere dei trofei italiani non finiscono solo gli ori. Fra gli argenti troviamo Sella del Diavolo (Barley, categoria Bière de Garde), Indie AleProgressive Barley Wine (Elav, rispettivamente categorie Amber Ale e Barley Wine) e BK (Olmaia, categoria Dry Stout). Tre bronzi completano il medagliereAeresis (Elav, Black Ale), Imper Ale Rossa (Collesi, Strong Dark Ale) e Matthias (Maiella, Specialty Beer).

La partecipazione e il successo al Brussels Beer Challenge dimostra che l’Italia birraria ha molto da dire anche in un contesto competitivo internazionale.

Cosa ne pensi del successo dell’Italia birraria al Brussels Beer Challenge? Conosci qualcuna delle birre trionfanti?

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

krups-the-sub-spillatore-birra

Spillatore birra: l’esperienza The SUB

The SUB è lo spillatore birra che porta a casa il piacere della birra alla ...