il trono di birra lager

Il Trono di Birra: la caduta delle Lager

Il Trono di Birra è in mano alle basse fermentazioni. Arriverà il giorno in cui anche le Lager cadranno?

Il Trono di Birra, versione birraria della famosa saga fantasy. Tutto nasce da un articolo pubblicato dallo scrittore inglese Martyn Cornell, in cui l’autore analizza presente e passato della birra artigianale anglosassone. La sua analisi è semplicissima. Prima vi erano le Porter, dominatrici incontrastate. Poi vennero le Mild e le Porter caddero in bassa fortuna. Ma il regno delle Mild durò poco. Presto sarebbe arrivato una nuova stirpe a conquistare Il Trono di Birra: le Lager. Il resto è storia recente e sappiamo tutti che oggi il mercato della birra, artigianale e industriale, è dominato dalle basse fermentazioni. A questo punto l’autore si pone la domanda:

Arriverà il giorno in cui anche le Lager verranno superate?

Lo stesso autore, facendo un confronto col passato, dà loro un ultimatum di 10-15 anni. A mio parere l’ipotesi è più che verosimile. Con l’attuale livello di innovazione e la costante evoluzione dei gusti dei consumatori la dipartita delle Lager avverrà, poco ma sicuro. Non sono invecesicuro dell’orizzonte temporale, in quanto il passato non è un utile strumento di paragone. Cambiano i tempi e cambiano anche le condizioni. Lo scenario attuale è ben diverso da quello di 50, 30 o anche solo 10 anni fa, per cui anche la percezione del tempo e del suo scorrere sono diversi. 10-15 anni? Forse di più, forse di meno. Chissà. Di certo il turnover avverrà e Il Trono di Birra cambierà volto. E’ solo questione di tempo.

Sarà un’estinzione a macchia di leopardo.

Viviamo in un mondo globalizzato dove le barriere geografiche sono quasi inesistenti. Eppure, con specifico riferimento al settore birrario, esistono ancora considerevoli differenze tra i diversi mercati. Basta guardare alla culla della craft beer revolution, l’America, del cui fervido movimento ci giunge solo una debole eco. Movimento che arriverà anche da noi, in Italia, ma che impiegherà qualche anno in più. Non è un problema di distanza geografica. In Regno Unito, nonostante la vicinanza con l’Italia, lo scenario è completamente differente da quello nostrano (pubgastronomia, cultura birraria). Lo stesso dicasi per Germania, Belgio, Irlanda o qualsiasi altra nazione.

Ogni mondo è Paese ma ogni Paese ha il suo piccolo Trono.

Dove voglio andare a parare? Semplice: le Lager prima o poi scenderanno dal Trono di Birra ma questo non avverrà in contemporanea in tutto il mondo, bensì con tempi e modalità diverse a seconda della località. Azzardo anch’io una previsione visto che va tanto di moda: le Lager subiranno la prima sconfitta paradossalmente non dove l’innovazione birraria è più forte, bensì dove esiste maggiore abitudine. Perché dico così? Perché l’abitudine uccide e “il solito” diventa banale.

Che non sia proprio l’America il teatro della rivolta?

In realtà anche lì è dura. Immagino piuttosto uno scenario apocalittico, nel quale vengono scoperte nuova varietà di luppolo. Sarebbe l’inizio della svolta. Già oggi il Regno Unito brama birre straluppolate ricche ed emozionanti come quelle made in USA ma prodotte con luppoli inglesi. Che siano proprio loro l’arma in grado di risollevare l’orgoglio dimenticato delle Real Ales e condurle alla conquista del Trono di Birra?

Arriverà il giorno in cui il mondo birrario come lo conosciamo, egemonizzato dalle Lager, scomparirà. E allora si aprirà un nuovo capitolo della birra artigianale.

Sono aperte le scommesse: secondo te quale stile sostituirà le Lager sul Trono? Dammi il tuo pronostico!

x

Check Also

game-of-thrones-yorkshire-heart-brewery-beer

Game of Thrones: dall’Inghilterra quattro nuove birre

Dopo l’americano Ommegang, anche l’inglese Yorkshire Heart crea birre dedicate a Game of Thrones. Tutti ...