beer-firm-italia-birramoriamoci

Pss, hai saputo? Ci sono nuove beer firm Italia!

L’alternanza di aperture tra Birrifici e Beer Firm Italia è allucinante! Allo stato attuale l’aggiornamento sulle novità brassicole “rischia” di diventare una rubrica settimanale. Fino a che punto il settore sosterrà questo ritmo?

Non faccio in tempo a raccontarti del nuovo birrificio Tal dei Tali che subito una nuova beer firm decide, invidiosetta, di venire alla luce. Ma se un nuovo birrificio itinerante decide di partecipare al gioco, l’altro lato del settore non rimane certo con le mani in mano. Ecco allora venir su un altro birrificio. E poi una nuova beer firm Italia. E così via. Sembra quasi una corsa al primato. Fatto sta che il conteggio dei birrifici italiani supera quota 800 presenze – seppur al lordo dei birrifici inattivi. E non è finita qui! Oggi è la volta delle nuove beer firm. Come sempre, quattro le new entry: Birra Trimmutura, Birrificio Analogico, Birra Malarazza e A8 – Birre Itineranti.

beer-firm-italia-birra-trimmutura

“Tre ingegneri ed un medico (o viceversa). Gli artefici della prima Beer Firm nata a Palermo!”. Si presentano così al pubblico, in quel di Palermo. Che bello: finalmente una dichiarazione spontanea e orgogliosa di essere beer firm! E’ fantastico, non trovi? Angelo Siragusa – già curatore de Il Barattolo – Rosario Inzerillo (“padre” del nome Trimmutura)Dario Amedeo Martino e Ambrogio Orlando sono i volti di Birra Trimmutura. In saccoccia una sola birra, per ora: Trimmutura, Blonde Ale da 4,6% abv. Con un ingrediente peculiare: il fiore di fico d’india siciliano. Che, a quanto leggo, pare avere interessanti proprietà salutari. Chissà, magari abbiamo trovato l’elisir di lunga vita! Interessante poi il contributo offerto dal Birrificio Analogico (sito in costruzione) di Roma. Il progetto grafico è stato interamente realizzato dal birraio, Armando nuovi-birrifici-italiani-birrificio-analogicoStano. Sebbene etichette – e relativi nomi – sembrino fare riferimento al mondo Fantasy – ti ho mai raccontato del mio amore per il genere? – si tratta invece di simboli archetipici caratteristici della Comunicazione Non Verbale: Asta, Cerchio e Triangolo. Tre simboli, cui corrispondono altrettante birre, rispettivamente Sword, Sphere e Delta Lady. Sword è una IPA da 5,4% abv dall’amaro importante (65 IBU); Delta Lady è una Tripel abbastanza muscolosa (7,6%); infine Sphere, una Weizen. Presto vi racconterò qualcosa in più in merito a beer firm ed etichette birrarie. Birra Malarazza è una beer firm Italia giovanbeer-firm-italia-birra-malarazzaissima (appena 3 mesi di vita) di Siracusa. Il nome è quello dell’omonima canzone del superbo Modugno, e sottolinea la voglia di lottare per i propri sogni. Riuscitissimo lo slogan, “mad in Sicily”: giocando sulla pronuncia inglese riusce in un colpo solo a sottolineare legame col territorio e passione birraria – mista a un pizzico di follia. Le ricette si ispirano alla tradizione, ma vengono reinterpretate aggiungendo materie prime siciliane. E’ così che nascono le due birre attualmente in produzione: Nura (‘nuda’ in siciliano), una Golden Ale – 5,1% abv e 38 IBU – con aggiunta a fine bollitura di scorza del limone di Siracusa (marchio IGP); Nanai (‘Leonardo’ in palermitano), una double IPA – 7% abv e 65 IBU – dove l’ingrediente siciliano sono i fiori d’arancio – ovvero la contaminazione siciliana di ciò che siciliano non è. Se tutto va come deve andare, entro fine anno la famiglia si allargherà ulteriormente. Stay tuned! beer-firm-italia-a8-birre-itinerantiChiudiamo il giro di valzer con un birrificio che definire itinerante è dire poco. A8 – Birre Itineranti è un progetto brassicolo sfacciatamente on the road. Io stesso considero indistintamente beer firm e birrifici itineranti. E invece no! La differenza è notevole, e sta nella filosofia alla base: la beer firm produce senza impianto, ma ne sogna uno proprio; il birrificio itinerante, invece, sente stretto un impianto di proprietà, e decide volutamente di vivere à la gipsy. Il confine concettuale tra le due realtà è sottile, ma d’ora in poi anch’io seguirò il distinguo. “A8 – Birre Itineranti è un progetto birrario e birrofilo che nasce dall’amore per la birra e dalle migliaia di chilometri percorsi per conoscerla in tutte la sue sfaccettature”. Una descrizione che rende perfettamente l’idea del piacere misto all’avventura tipico dei viaggi birrari. Sembrano averne compiuti tanti di questi viaggio, in Italia e all’estero, Aldo’s e Daniele, se hanno deciso di improntare la loro filosofia brassicola su questo tema. A8 è il nome dell’autostrada che passa sotto casa loro, e che li ha sempre visti partire e tornare da questa o quella meta birraria. Attualmente una sola birra, ma di spessore. La collaborazione porta la firma di Nicola “Nix” Grande del Birrificio Settimo. Si tratta di una IPA – ancora?! – chiamata sagacemente GOGOGO – il nome è derivato dai luppoli (First GOld, Brewers GOld e EK GOlding), ma è anche un grido di incitamento a non mollare mai (go = vai!). All’orizzonte bollono interessanti novità. Tra le quali, si vocifera, una birra natalizia. Non resta che attendere. Cosa te ne pare del fermento che sta attraversando il settore della birra artigianale? conoscevi già queste beer firm Italia?

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

zundert-birra

Zundert birra: un’altra trappista in Olanda

Zundert birra è il secondo birrificio trappista di origine olandese. Zundert birra (si pronuncia ‘Zendert’) ...