geuze belgio birramoriamoci

Geuze, lo confesso: mi sono innamorato di te

Sulla bontà della Geuze ero scettico. Finché non mi hanno “costretto” ad assaggiarla. E’ stato amore a primo assaggio e adesso sono pazzo di lei.

Geuze è il nome di uno stile birrario nato dalla combinazione tra birre a fermentazione spontanea di età diversa, una giovane e l’altra più vecchia. Si tratta delle quali sempre più persone hanno iniziato a fare incetta. Eppure a me non hanno mai fatto impazzire. Buone, per carità, ma il mio ideale di birra preferisce stili di più facile fruizione. Perlomeno ero sicuro di tutto questo, finché…

E’ stata tutta colpa del (fantasmagorico) Belgio!

Se ti trovi qui prima o poi una Geuze la bevi. Per i palati meno allenati l’approccio non è dei più facili. Nel mio caso sapevo già cosa aspettarmi, avendo provato qualcosa in passato. Non so dire cosa sia accaduto. Forse è stata proprio la sorpresa del nuovo assaggio. Fatto sta che bere Geuze mi ha scombussolato i sentimenti.

Mi sono reso conto di non aver mai bevuto una Geuze come si deve.

Ad aprire le danze ci ha pensato il buon Cantillon. Si parte dall’assaggio di un Lambic (la birra di base per produrre la Geuze) di un anno. Gli aromi mi hanno ricordato la freschezza delle fragoline di bosco e il nocciolo di pesca. Dopodiché la parte acida. E le annesse puzzette: calzini sudati e carte da gioco consumate. In bocca ha corpo esile ma è ricca di sapore. La sensazione è molto simile a quella di un vino bianco con sfumature da cereali (aceto di malto). Un sottile tepore etilico si insinua nel retrogusto.

Dal Lambic alla Geuze il passo è breve.

Questa volta l’aroma è molto più raffinato. Acetico invero ma con la parte di frutta rossa (ciliegie) molto più caratterizzata. L’alcol c’è ma è solo una lontana eco. Esplosiva la presenza di frutta a pasta arancio (albicocca, arancia, mandarino). In bocca è vivace, corpo da medio a leggero. Attacco acetico ben distinto (aceto di vino bianco) e sottofondo etilico. Un leggero lattico (yogurt) rimescola le carte. Ma sulla lunga è la polpa di frutta a pasta arancio (albicocca, pesca, mandarino) lasciata macerare a vincere la partita.

Anche la Kriek è stata una rivelazione.

Come la Geuze, posso dire di avere solo adesso di avere assaggiato una Kriek. Si tratta di una birra a base Lambic con aggiunta di ciliegie di origine belga, varietà griotte. Avevo già bevuto birre addizionate con ciliegie ma una Kriek è completamente differente. Se volessi descriverlo parlerei di qualcosa di tondo e ricco di polpa. Il benvenuto aromatico è dolce, a cavallo tra sciroppo e spirito. In bocca è aspra, ripulente senza comunque astringere. Alcol scarso o nullo, mentre il retrogusto sussurra scorze di agrumi.

Gli assaggi di Geuze continuano direttamente in cantina.

La cantina di Oud Beersel, per la precisione. Ho provato un Lambic di un anno, la Geuze e la Kriek della casa. Il loro profilo è molto più easy rispetto ai precedenti assaggi. Il Lambic inizia con un aroma che parte deciso sulle note puzzolenti (calzino sudato, leggero formaggio). In bocca l’acetico è delicato e l’aspro arriva solo nel retrogusto. Sullo stesso filone proseguono Geuze e Kriek.

L’ultima Geuze della giornata l’ho bevuta a pranzo.

Al ristorante di 3 Fonteinen ho avuto il piacere di assaggiare la Geuze della casa direttamente alla spina. Anche lei è facilissima da bere. Non siamo ai livelli di Oud Beersel ma è sicuramente più gentile di Cantillon. Le puzzette non sono particolarmente accentuate e in bocca è abbastanza vivace. La capacità detergente è spettacolare. E il finale secco obbliga a un altro sorso. L’ho abbinata a cozze in cipolla dolce e french fries. Credimi, è stato galattico.

Capito come funziona? Te ne stai tranquillo nella tua abitudine e poi l’ennesimo assaggio ti fa impazzire di gioia. Se si possa o meno chiamare amore non lo so. Fatto sta che la successione di Geuze bevute in Belgio mi ha sconvolto. Adesso lo posso dire: sì, le Geuze spaccano.

Conosci le Geuze? hanno fatto breccia anche nel tuo cuore oppure no?

x

Check Also

birre-americane-butcher-brewer-cleveland

Birre americane in Ohio: Butcher & The Brewer

Prosegue il viaggio a caccia di birre americane. La nuova tappa è Cleveland. Le birre ...