gaffel-kolsch

Gaffel Kolsch Koln Style Beer

Gaffel Kolsch è una delle birre più rappresentative dello stile birrario tradizionale di Colonia.

Gaffel Kolsch è la birra “ibrido” di Colonia. A renderla tale è l’impiego di lievito ad alta fermentazione, fatto però lavorare a temperature più basse del solito. La birra viene poi maturata a temperature prossime allo zero, come se fosse una Lager. Si tratta di uno stile tradizionale di Colonia protetto da disciplinare di origine.

Il risultato è una birra dal profilo organolettico peculiare, diverso dalle classiche basse fermentazioni per la presenza sfumature fruttate che di tanto in tanto fanno capolino (mela, pera e ciliegie le più comuni). Inoltre capita che il lievito di tipo Kölsch possa dare alla birra una leggera nota vinosa, solforosa o talvolta minerale. A tutto questo si aggiunga un carattere maltato leggero ma piacevole, talvolta arricchito da sfumature di miele.

A produrla è la Gaffel, storico birrificio di Colonia fondato nel 1302, esattamente nella posizione odierna. In origine chiamato “Ezelin Bruere” dal nome del mastro birraio, il birrificio ha recentemente cambiato nome con l’acquisito dalla famiglia Becker (1908). Il termine Gaffel si riferisce a una delle antiche corporazioni di “arti e mestieri” e alla rivoluzione di Colonia da loro condotta alla fine del 1300, ottenendo il primo governo democratico cittadino.

Ho assaggiato a Rodersch di BiDu, la Glu Glu di MC-77 e la Deetz di Bevog. Vediamo come se la cava questa Gaffel Kolsch. 

Bottiglia da 50 cl, 4.8% ABV, lotto B018. Disponibile su Ales&Co.

Aspetto

Colore dorato scarico con riflessi paglierino, aspetto limpido. In testa ha una schiuma solida e compatta di colore albume, aspetto pannoso, incollata alle pareti manco fosse la ragnatela di Spiderman.

Aroma

Immediata conferma della presenza di un lievito diverso dal solito, con il vinoso a depistare. A primo acchito ricorda l’erbaceo metallico delle birre industriali ma a un’analisi più approfondita si individuano note sulfuree e di vino sulla strada dell’acetico. Bouquet più intenso del previsto in cui si rinvengono diverse componenti, ciascuna ben definita.

Sotto il vinoso (vino casereccio) ci sono i malti, chiari, con sentori di panificati in genere ma soprattutto farina, brioche e cereali. In fondo si rinvengono invece i luppoli, che bilanciano il bouquet apparentemente dolce con note foriere d’amaro (erbaceo, speziato). Un nonnulla di miele millefiori e un leggero floreale (geranio) chiudono il cerchio. Fruttato non pervenuto, forse un po’ di pera.

Gusto

Corpo medio, carbonazione medio/alta, sensazione tattile che alterna momenti di morbidezza e di scorrevolezza, pur non risultando watery. L’iniziale tendenza dolce suggerisce pane comune, cereali, brioche. Ma l’idea che si abbia a che fare con una birra dolce è destinata a crollare presto.

Dal fondo, quatto quatto, arriva l’amaro che rapidamente conquista il palato, lo ripulisce e lo conduce a un finale secco, dal lungo retrogusto erbaceo e leggermente speziato (pepe verde). In mezzo si rinvengono ricordi di caramella al miele (Alpenliebe), un leggerissimo fruttato che ricorda la mela e soprattutto una deliziosa fragranza maltata che la rendono parzialmente masticabile. Retrolfatto di caramella mou, retrogusto erbaceo.

Gaffel Kolsch: conclusioni.

Confermate le aspettative: Gaffel Kolsch ha carattere, discreto ma ne ha. Pulita a modo suo, piacevole, gustosa e persino fragrante. Una birra dal carattere delicato, che si avvicina all’attento bevitore sussurrandogli parole d’amore. In attesa di assaggiare gli esemplari di Colonia mi fido del BJCP e la considero una buona interpretazione dello stile.

  • Aspetto
  • Aroma
  • Gusto
3.9
Sending
User Review
0 (0 votes)

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

calix-niger-birrificio-dei-castelli-chocolate-stout

Calix Niger Chocolate Stout Birrificio dei Castelli

Calix Niger del Birrificio dei Castelli è una birra di colore scuro, suadente come il ...