emil christian hansen carlsberg bassa fermentazione

Emil Christian Hansen: padre della bassa fermentazione

Emil Christian Hansen isolò il lievito a bassa fermentazione, rivoluzionando per sempre l’industria birraria.

In un giorno di ordinaria ricerca Emil Christian Hansen si svegliò e diede vita al lievito a bassa fermentazione. Nacque l’8 Maggio 1842 a Ribe (Danimarca). All’età di 40 anni scoprì il metodo per propagare il lievito utilizzato nella fermentazione della birra. Questa scoperta lo fece meritatamente entrare nell’albo dei più grandi scienziati della Danimarca.

Umili origini, nobili intenti.

Emil Christian Hansen nasce da famiglia modesta: sua madre era lavandaia, suo padre un impiegato della Legione Straniera – ma diventerà presto un vagabondo avvezzo all’alcol. Le sue umili origini, tuttavia, non lo hanno mai fatto desistere dai suoi obiettivi. Anzi, Emil Christian Hansen aveva una forza di volontà indistruttibile. Il suo mantra quotidiana era “dove c’è volontà c’è un modo”. Nei primi anni di vita si guadagnò da mangiare dipingendo e scrivendo novelle, avendo l’accortezza di mettere da parte un piccolo gruzzolo per finanziarsi i futuri studi. Dopo aver oncluso la scuola superiore in tarda età (29 anni) studierà microbiologia presso l’Università di Copenhagen, ottenendo un dottorato nel 1877. Nello stesso anno prende incarico presso i laboratori del birrificio Carlsberg. Due anni dopo è già a capo del gruppo di ricerca aziendale.

Pastorizzazione, tecnologie e imbottigliamento: c’era tutto il necessario. O quasi.

In quegli anni l’industria birraria era già pronta a invadere il mercato con il suo esercito di Lager. Ma c’era un problema: nonostante le ultime scoperte avessero nettamente migliorato la qualità delle birre, molte di queste continuavano a inacidire durante la produzione o il trasporto. Nessuno si sapeva spiegare perché. Mentre Louis Pasteur era impegnato a sconfiggere patologie quali colera aviare e rabbia, all’interno dei laboratori della Carlsberg Emil Christian Hansen era impegno a combattere altre malattie: quelle della birra. Destino volle che i due grandi scienziati si incontrassero a Copenhagen nel 1884, in occasione della visita ai laboratori di ricerca della Carlsberg da parte di Pasteur. Pasteur fu stupito dall’eccellente lavoro di Hansen e lo raccomandò alla comunità scientifica. Fu così che nel 1886 Hansen vinse la medaglia d’oro della French Société d’Encouragement pour l’Industrie nationale.

Si lavora duro: in palio c’è l’eterna giovinezza.

Attraverso le analisi al microscopio Emil Christian Hansen scoprì che il motivo per il quale tanta birra prendeva la strada del lavandino era la presenza congiunta di ceppi di lievito diversi. Notò che non tutti i lieviti sono adatti alla fermentazione della birra. Solo alcuni di questi, in particolare quelli puri, consentono alla birra di fermentare senza problemi. Si concentrò allora sull’isolamento delle singole cellule dei ceppi di lievito buoni. Dopodiché  inventò un sistema per favorirne la propagazione, dando così vita a colonie pure.

Hansen ebbe un “figlio” insolito: lo chiamò Saccharomyces carlsbergensis.

La colonia pura che riuscì a creare fu proprio il primo lievito a bassa fermentazione. Lo chiamò Saccharomyces carlsbergensis, nome scientifico del lievito a bassa fermentazione. Al laboratorio lo chiamarono “Carlsberg bottom yeast n.1” ma bisogna ammettere che il nome latino ha più fascino. Il suo aspetto al microscopio era identico a quello del lievito che la stessa Carlsberg ricevette nel 1845 dalla Spaten Bräu di Monaco.

La vera ricchezza è condivisione, non accumulo.

La cosa più bella sai qual è? Che Hansen si rifiutò categoricamente di apporre il brevetto. A lui non interessava il mero guadagno economico. Il suo desiderio era filantropico: aiutare l’industria birraria mondiale. Condivise pubblicamente un articolo contenente le sue scoperte e le indicazioni per poter facilmente replicare il metodo. Ha esalato l’ultimo respiro il 27 Agosto 1909, lasciando in eredità un fardello importante: la birra a bassa fermentazione. Purtroppo in quel momento non lo sapeva ma la sua scoperta avrebbe spianato la strada alle Lager industriali per la conquista del mercato mondiale della birra.

“Dove c’è volontà c’è tutto”. Grazie a questa forma mentis Emil Christian Hansen ha scoperto il lievito a bassa fermentazione, conquistando un posto nella storia. La scienza e la birra gli saranno eternamente grati.

Conoscevi la storia di Emil Christian Hansen?

Credits

x

Check Also

louis pasteur salvatore birra

Louis Pasteur: vino, birra e Napoleone Bonaparte

La fermentazione chimica è collegata a un atto vitale, che inizia e finisce con quest’ultimo – ...