delta-ipa-brussels-beer-project

Delta IPA Brussels Beer Project Belgian IPA

Delta IPA è il primo episodio di una serie diventata famosa in tutto il mondo.

Il mio primo assaggio di Delta IPA risale alll’altrettanto primo viaggio in Belgio. E’ stato in tale occasione che sono andato alla fonte, a visitare il birrificio Brussels Beer Project in compagnia di Dimitri Van Roy. Questa birra è nata nell’estate 2013. Un’autentica scommessa a quel tempo, per un Belgio ancorato ai classici e poco avvezzo all’amaro da luppoli, perlomeno non quelli d’oltreoceano. Oggi invece è una delle birre più rappresentative del birrificio, un omaggio liquido alla città di Bruxelles, amara e vivace.

Ogni anno, il birrificio indice una competizione tra quattro/cinque ricette. La vincente, scelta attraverso diverse fasi eliminatorie e una finale, diventa parte della produzione stabile. Delta IPA è la prima birra eletta nell’ambito di questo progetto chiamato “Prototype”. Inizialmente gli assaggi erano riservati al pubblico di Bruxelles ma l’iniziativa ha avuto un successo clamoroso ed è stata estesa, assieme ad altre città del Belgio, a Parigi e perfino a Tokyo!

In etichetta viene definita Saison IPA ma poi è lo stesso birrificio a correggere il tiro classificandola Belgian IPA. Luppoli Challenger, Smaragd, Citra, Cascade e Mosaic. Di Saison c’è il lievito, che dovrebbe contribuire a darle secchezza e un pizzico di piccantezza pepata.

Bottiglia da 33 cl, 6.5% ABV, lotto 212652. Disponibile in Italia tramite Beerwulf.

Aspetto

Colore ambrato carico con riflessi aranciati, aspetto velato. Schiuma da birra belga, fine e compatta, colore ocra e aspetto pannoso, media persistenza e grande aderenza. E ovviamente merletti di Bruxelles.

Aroma

Generosa macedonia di frutta tropicale: guava, litchi, mango. Dirige l’orchestra il frutto della passione. In secondo piano, pur sempre su ritmi andanti con brio, le note citriche di arancia, accompagnate da quelle di cantalupo e ananas. Il lievito Saison è piuttosto intimidito dal carattere esuberante dei luppoli: alla sua esuberanza pepata fa posto uno speziato di delicata costituzione fatto di bacche di Timut, pepe verde, zenzero.

Gusto

Corpo medio/pieno e carbonazione medio/alta, sensazione tattile morbida e tondeggiante. Il gusto trova corrispondenza con l’aroma e anche con le premesse in etichetta. Una birra certamente amara ma bilanciata, rinfrescante, secca e a suo modo dissetante. I luppoli donano un binomio dolce-amaro di frutti tropicali e per loro tramite arriva una ventata d’aria rinfrescante. Guizzo di pompelmo rosa, a rafforzare le fila citriche. E finalmente il lievito Saison, finora deludente, con un turbinio di spezie che gli rende il giusto onore.

Delta IPA: conclusioni

Avevo un buon ricordo di lei e sono contento di trovarla migliorata. Delta IPA esegue la ricetta in maniera esemplare, dando vita a una birra sì complessa ma pulita e divertente da assaggiare, sorso dopo sorso. Accontenta tutti, forse anche i giovani cittadini di Bruxelles.

Sending
User Review
0 (0 votes)

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

calix-niger-birrificio-dei-castelli-chocolate-stout

Calix Niger Chocolate Stout Birrificio dei Castelli

Calix Niger del Birrificio dei Castelli è una birra di colore scuro, suadente come il ...