ceres-strong-ale

Ceres Strong Ale Imperial Lager

Ceres Strong Ale è una birra d’importazione danese in stile Imperial Lager.

“Tieni i tuoi amici vicino, ma i tuoi nemici ancora più vicino”. A questa Ceres Strong Ale tocca l’onere (e l’onore) di iniziare una serie di recensioni di birre del supermercato, anche di tipo industriale. Birre certamente che poco hanno a che fare con il carattere e la complessità della birra artigianale, ma che forse è meglio assaggiare per capire davvero di cosa si tratta.

Ceres Strong Ale è prodotta dalla multinazionale danese Carlsberg, sotto l’azienda-ramo chiamata Royal Unibrew. Si tratta di un prodotto di importazione danese che in qualche modo è riuscito a conquistare una posizione dignitosa tra gli scaffali del supermercato, visto che nel Paese d’origine è considerata una birra buona per la sbornia.

Prima di procedere è doverosa la correzione, terribilmente fuorviante: sebbene l’etichetta riporti “Strong Ale” a caratteri cubitali, questa birra è una Strong (o Imperial) Lager. Nulla a che vedere quindi con le birre ad alta fermentazione. Il perché sia stato impiegato un riferimento stilistico diverso rimane un mistero ma sono sicuro che la ragione risiede nelle esigenze di posizionamento e promozione aziendali. Del resto l’industria è sempre stata maestra nel marketing e le piccole realtà artigianali ne avrebbero da impararne. Conosci i tuoi nemici ancora più vicino, giusto?

Bottiglia da 33 cl, 7.7% ABV, lotto E1357.

ceres-strong-ale-recensione

Aspetto

Colore oro brillante, limpido e trasparente, con sfumature ambrate. Schiuma densa e pannosa, colore crema, di discreta persistenza e aderenza.

Aroma

Basta stapparla per sentire una zaffata di luppolo, erbaceo ma anche ferroso. Intensità olfattiva moderata. Dietro la testa erbacea si nasconde un corpo maltato che richiama alla mente mou, mollica di pane, pasta frolla, miele millefiori. Il cuore è vagamente floreale (fiori di campo, ciclamino).

Gusto

Corpo medio, mouthfeel inizialmente morbido e poi leggermente più spigoloso, carbonazione bassa. In bocca questa Ceres Strong Ale si rivela concorde al naso ma al contempo differente. Il baricentro si sposta dall’amaro erbaceo al dolce maltato, facendo di pane e mou il suo biglietto da visita. Niente miele o floreale, stavolta il contenuto è minimale e lungi dalla piacevole fragranza che la sua gradazione alcolica lascerebbe pensare – del resto stiamo parlando di una ricetta composta in buona parte da mais. L’erbaceo rimane in sottofondo, moderando la tendenza dolce e dando un taglio ripulente a fine bevuta, a favore di un finale secco anche grazie all’alcol. Retrogusto amaro, retrolfatto di pasta frolla.

C’è poco calore in questa Ceres Strong Ale, se non quello dovuto all’alto tenore alcolico, che scalda l’intestino ma non il cuore. E’ una birra menzognera, che prima mente in etichetta e poi anche nel contenuto.

Hai assaggiato anche tu la Ceres Strong Ale? Cosa ne pensi?

  • Aspetto
  • Aroma
  • Gusto
3.4
Sending
User Review
0 (0 votes)
x

Check Also

pohjala-cherry-banger

Pohjala Cherry Banger Imperial Stout

Pohjala Cherry Banger è una Imperial Stout arricchita da ciliegie, cioccolato e baccelli di vaniglia. ...