centobocche-pacific-saison-birrificio-alveria

Centobocche Pacific Saison Birrificio Alveria

Centobocche Pacific Saison è una lungimirante Saison prodotta con luppoli oceanici Pacific Jade e Topaz.

Con questa Centobocche Pacific Saison ritorna sul blog il Birrificio Alveria, di cui ho recentemente assaggiato l’ottima Blonde Ale in occasione di Beer Attraction dove ha ottenuto il terzo posto nella sua categoria.

Centobocche è la variante più luppolata della Saison della casa. Entrambe sono due facce dello stesso progetto chiamato Centobocche, che raccoglie birre di facile fruizione destinate ad accontentare cento (e più) bocche.

In ricetta malto Pils più 6% di grano tenero varietà Maiorca, fermentazione affidata al sempreverde Belgian Saison. Il carattere pacifico è dato dai luppoli oceanici Pacific Jade (Nuova Zelanda) e Topaz (Australia), impiegati anche in dry-hopping.

Il birrificio la consiglia in abbinamento a crudi di mare, fritture e street food. Come sempre controcorrente io l’ho invece abbinata a un piatto di bietola saltata in padella con pane raffermo e formaggio pecorino.

Bottiglia da 33 cl, 5.2% ABV, lotto 1122.

Aspetto

Colore dorato carico con aspetto limpido, sormontato da un abbondante cappello di schiuma pannosa, consistente e persistente, aderente al bicchiere con i classici merletti di Bruxelles.

Aroma

Il bouquet aromatico racconta una storia fatta di lavoro nei campi, di cereali e di frutta selvatica, ma anche di un mondo lontano lontano che nella mappa si trova nella piccola Nuova Zelanda. Insomma, il carattere Saison c’è tutto, in più ci sono i luppoli neozelandesi che apportano un rinfrescante carattere tropicale. Sono loro a rappresentare la testa aromatica, con sentori di uva a bacca bianca, uva spina, kiwi, melone, memorie di frullato di banana. Nel corpo si rinviene invece il profumato frumento, che fa da ponte verso il cuore citrico, ricco di arancia in polpa. Assieme all’arancia il cuore batte forte al suono del lievito Saison, che assieme al connotato terroso e rustico apporta un notevole fenolico (pepe verde, bacche di Timut). Floreale di citronella e zagara a chiudere in bellezza.

Gusto

Corpo medio, carbonazione medio/alta, sensazione tattile morbida, pur caratterizzata da un eloquente acidulo di frumento e aspro d’agrumi, oltre che di uva a bacca bianca. Leggera astringenza tannica. Si conferma l’impressione maturata al naso, di cui la bocca è totale conferma. La birra preserva il carattere ruspante di una Saison belga, terrosa ed erbacea, cerearicola e agrumata, ma possiede anche quel guizzo interessante dato dai luppoli del Nuovo Mondo. Alla base il frumento, che assieme ai cereali in genere ricorda il pane e il frollino. Citrico d’arancia, citronella e miele d’agrumi. Melone, ananas, kiwi, uva spina. Due anime sotto lo stesso tetto. Il risultato è una birra doppiamente rinfrescante. La chiusura è da manuale, secca e ripulente, seguita da un lungo retrogusto amaro, erbaceo, terroso e pepato assieme, con una punta aspra d’agrumi. Nel retrolfatto si rinvengono invece i luppoli.

Centobocche Pacific Saison: conclusioni.

Birra di pregevole fattura e di esecuzione impeccabile. Centobocche Pacific Saison ha un solo difetto: non è per tutte le bocche così come è stata pensata. Solo i più aperti alla sperimentazione l’apprezzeranno.

  • Aspetto
  • Aroma
  • Gusto
3.8

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

calix-niger-birrificio-dei-castelli-chocolate-stout

Calix Niger Chocolate Stout Birrificio dei Castelli

Calix Niger del Birrificio dei Castelli è una birra di colore scuro, suadente come il ...