nuove-birre-via-priula-birramoriamoci

Birrificio Via Priula: novità a San Pellegrino Terme

In arrivo tante belle novità dal birrificio Via Priula di San Pellegrino Terme. Due nuove birre e ben tre nuove etichette, sorprendenti come al solito.

Ricordate il Birrificio Via Priula? Ne ho parlato in occasione dell’assaggio della Via Priula Dubec e delle splendide etichette birrarie. Il birrificio di San Pellegrino Terme torna a far parlare di sé con qualche novità.

E’ comparsa pochi giorni fa sul blog del birrificio una nuova etichetta. Si chiama Corna Bianca e assieme a lei ci sono un altro paio di nuove birre.

nuove-birre-via-priula-rosa

Oltre alla sovracitata Corna Bianca, è prossima a nascere un’altra birra. Due nuove creazioni, quindi, sono invece ben tre le nuove etichette. I conti non tornano, direte, ma è facile capire il perché: una delle nuove etichette ha il compito di rinnovare la veste grafica di Rosa!, birra ispirata alla celebre maglia ciclistica, nata in occasione del passaggio del Giro d’Italia. La maglia rosa rimane il tema principale della nuova etichetta ma, passato il Giro, si è deciso di dedicarla al ciclista e concittadino Ivan Gotti, e alle sue “eroiche” imprese sportive.

E passiamo ora alle birre. Le due nuove bottiglie vanno sotto nome di Corna Bianca e Melafòi. Anche questa volta le illustrazioni sono del compaesano e disegnatore Stefano Torriani (e si vede!).

nuove-birre-via-priula-corna-bianca

Corna Bianca è una birra ispirata allo stile delle blanche belghe, ma prevede una speziatura piuttosto insolita a base di mentuccia e ginepro. Il risultato è una birra che si preannuncia fresca e dissetante, leggermente acidula e molto originale (grazie alle spezie utilizzate), beverina coi suoi “soli” 5 gradi alcolici, 11 gradi Plato e un amaro da 16 IBU. L’origine del nome? Deriva dall’omonima rupe calcarea sita nella zona di Cornalba, sulla quale si trovano le spezie indicate, già descritta dal poeta Virgilio e scalata dal climber Bruno Tassi, altro concittadino.

nuove-birre-via-priula-melafoi

La Melafòi (da Achillea Millefoglie, nome dell’erba impiegata come spezia) è una Belgian Tripel decisamente più robusta, forte dei suoi 9,5% abv, 20 Plato e 37 unità d’amaro. Anche questa volta la tradizione birraria belga fornisce l’ispirazione necessaria. L’achillea millefoglie è una spezia forte e abbastanza amara, impiegata spesso nella tradizione birraria svedese in sostituzione del luppolo, viste le sue proprietà amaricanti. Questa volta non sostituisce il luppolo (per fortuna) ma lo accompagna. Chissà cosa ne verrà fuori, sicuramente si preannuncia interessante.

Sembra che le nuove birre italiane riescano ancora a stupire per estro e creatività, con birrai capaci di (re)inventarsi ricette nuove e fantasiose. Che ne pensi dei nuovi “esperimenti” targati Via Priula? ti piacciono le etichette delle nuove birre?

2 commenti

  1. I ragazzi di Viapriula sono fantastici…ma bisogna dare merito a chi gli fa le birre 😛
    Saluti

  2. Bisogna sentire cosa dicono i ragazzi di Via Priula, allora, e vedere se sono d’accordo 😛

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

brasserie sainte helene etichette

Sainte Helene Brasserie: la birra è donna

La Brasserie Sainte Helene elogia la bellezza femminile. Ricordo bene il primo incontro con la Brasserie ...