elenco-beer-firm-birramoriamoci

Elenco beer firm, il nostro pane (liquido) quotidiano

Di loro si è detto – e si continua a dire – di tutto. Da molti considerato come un “fenomeno dentro al fenomeno”, i birrifici senza impianti sono un dato di fatto. Lo dimostra l’elenco beer firm, la cui crescita non sembra trovare pace.

Beer firm Italiacome aprire beer firm, aggiornamenti vari ed eventuali. Si è detto di tutto dei birrifici senza impianti. Ma forse non abbastanza. Oggi, infatti, l’elenco beer firm continua ad aggiornarsi. Recentemente Cronache di Birra ha dedicato un ottimo articolo alla “fenomenologia” beer firm. Scusa se mi dilungo, ma approfitto dell’occasione per esporre il mio punto di vista. Assolutamente pro beer firm.

Il birrificio senza impianti NON è un “fenomeno”!

La commercializzazione di prodotti realizzati presso terzi è un abitué di qualsiasi settore produttivo. Perché il settore birrario dovrebbe rimanerne escluso? Lo ammetto: qui la vocazione artigianale è molto spinta. Pur tuttavia bisogna essere più razionali e meno appassionati. Non possiamo pretendere che sia tutto baci e abbracci, birre orgasmiche ma “incomprensibili” per il consumatore medio, birrifici che possono reggersi in piedi solo ed esclusivamente grazie alla passione, in barba ai consumi. Prima che diventi un monologo mi permetto di farti una domanda: come sarebbero andate le cose se i birrifici non avessero prodotto contro terzi? Sono curioso. Fammi sapere cosa ne pensi!

Veniamo al mosto del discorso. Si aggiorna l’elenco beer firm, dicevamo. Ecco le new entry: Laval, Beerdream, R.Ale e Idem.

5 amici hanno iniziato un’avventura insieme, nella speranza di togliere la sete a chi, come loro, affronta le proprie avventure.

elenco-beer-firm-lavalQuella di Laval (Birrificio Valsusa Società Cooperativa), con sede operativa ad Avigliana (TO), è una storia piuttosto particolare. Innanzitutto perché le vesti di beer firm sono provvisorie: mentre scrivo sono in fase di avanzamento i lavori necessari all’apertura degli impianti di produzione – taglio inaugurale previsto per Febbraio 2015. La barca è capitanata da Dario Scarcina. Dario ha un classico passato da homebrewer (a partire dal 2006), cui hanno fatto eseguito corsi di formazione ed esperienze personali, che lo hanno portato a contatto con nomi come Civale, 100venti e Lis d’Oc – birrifici che ospitano momentaneamente la produzione. Nel frattempo, in attesa del dipanamento delle beghe burocratiche, ad attendere c’è un bell’impiantino da 12 hl, nonché un parterre di cinque birre: una Golden Ale (Barny) con luppoli a stelle e strisce e dry hopping annesso; una Strong Ale (Otus) d’impostazione anglosassone; una bière Blanche (Edvige); una Belgian Strong Ale (Siberian) prodotta con marmellata d’albicocche; infine una Imperial Stout (M97) non convenzionale, prodotta con aggiunta di zenzero e buccia d’arancia dolce – praticamente strizza l’occhio alle birre di Natale. E’ previsto inoltre il lancio di una nuova gamma di birre interamente biologiche con l’apertura effettiva degli impianti. E si parla anche di un simil gruit con radice di Soncino – erba amaricante – in sostituzione del luppolo.

“Nel mondo nulla di grande è stato fatto senza passione” – Friedrich Hegel

In origine fu Leonardo. Poi venne il momento di Raffaello. Mi riferisco alle Tartarughe Ninja? Naaa! Sono i ragazzi di Birra R.Ale di Bassano del Grappa (VI). Un elenco-beer-firm-r.alepercorso in salita iniziato nel 2010 con l’immancabile homebrewing. Merita un applauso l’espressa indicazione sul sito degli impianti ospitanti (Birrificio Oldo di Reggio Emilia). Meno precisa l’etichetta, che ne riporta solo un numero indecifrabile. Al momento sono due le birre in produzioneIpaSan (6,5% abv) e MiaPils (5,5% abv). La prima è ovviamente una luppolatissima India Pale Ale prodotta con generose quantità di luppoli giapponesi e americani, utilizzati sia per in amaro che aroma; la seconda è invece elogio delle Pilsner boeme, prodotta con un mix di luppoli europei.

La prima birra artigianale europea che rivendica i diritti LGBT.

elenco-beer-firm-birra-idemLo ammetto: prima di oggi non avevo la più pallida idea di cosa significasse l’acronimo LGBT. Ebbene, si tratta di una sigla utilizzata come termine collettivo per riferirsi a persone Lesbiche, Gay, Bisessuali e Transgender. Birra Idem (Leporano, provincia di Bari) è una beer firm con forte connotazione sociale che – come suggerisce il nome – intende promuovere la parità dei diritti nei confronti delle minoranze sociali di cui sopra. Un obiettivo notevole. Bravi! Ovviamente, trattandosi di beer firm non può mancare la birra artigianale. E le birre? Parola d’ordine: facilità di beva! E’ per questo motivo che si è optato per due basse fermentazioni, la cui (apparente) semplicità organolettica risulta più vicina ai gusti del consumatore medio. Sono una Pilsner da 4,5% abv e 25 IBU, prodotta con aggiunta di fiori d’arancio e pepe rosa, e una Smoked Red, 5% abv e 28 IBU, prodotta con malti tostati e affumicati.

La beer firm si chiama Beerdream, il sogno della birra!

Aprire un birrificio è un sogno che solletica molti birrai casalinghi. Uno di questi è Manuele Biordi. Da semplice appassionato – coff… bevitore elenco-beer-firm-beerdreamseriale coff… – alla birra fatta in casa si sa, il passo è breve. Partono le prime cotte, e parallelamente inizia un percorso formativo con diversi corsi: Birramia, Unionbirrai, CERB. Purtroppo un impianto produttivo non è alla portata di tutti i portafogli. In attesa di maggiori disponibilità si è deciso di optare per il compromesso beer firm, chiamata giustamente Beerdream (sede legale a Selvalagli di Gagliole), mentre la produzione è affidata al Birrificio Il Mastio, suo conterraneo (MC). Due le birre: la primogenita è Cheers, Golden Ale con luppolatura di IPA, beverina ma con un finale amaro ripulente che richiama a bere – da cui il nome; la seconda è fresca di imbottigliamento e uscirà a metà dicembre. Si chiama La Garra: ambrata, 6 gradi, note caramellate bilanciate da quelle agrumate e resinose apportate da un generoso dry hoppingE in futuro? Chissà! Un uccellino mi suggerisce una IPA a stelle e strisce e una Belgian Ale.

Ebbene, l’elenco beer firm è aggiornato – per ora. Quanto tempo passerà prima di nuovi aggiornamenti? Venghino, siore e siori: sono aperti i pronostici! Che ne pensi di queste nuove beer firm? le conoscevi già? hai provato qualcuna delle loro birre?

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

krups-the-sub-spillatore-birra

Spillatore birra: l’esperienza The SUB

The SUB è lo spillatore birra che porta a casa il piacere della birra alla ...